19 Jun 2024

Menu Principale

Cerca nel sito ...

Vinaora Visitors Counter

093437
Oggi
Ieri
Questa settimana
Settimana precedente
Questo mese
Mese precedente
Tutto
75
50
125
93036
755
1471
93437

Il tuo IP: 3.236.83.154
18-06-2024 22:14

La vicenda che sottopongo alla lettura è un ulteriore prosieguo delle precedenti e rappresenta un ulteriore tipico esempio dell'uso distorto dello strumento giudiziario (VEDASI, IN PARTICOLARE, C21-TRIBUNALE DI CASTROVILLARI-IN NOME DEL POPOLO INGIUSTIZIA E' FATTA-PARTE SETTIMA (all a).

Ho denunciato l'Avv. Caracciolo Pietro - Sindaco di Montalto Uffugo per voto di scambio elettorale (è stato in ottimi rapporti amicali con il referente di un cartello mondiale della droga condannato per associazione mafiosa) ed altro.

Ho segnalato gli ingenti investimenti dei proventi della droga attraverso insospettabili soggetti, nominativamente individuabili.

Uno di questi prestanome era a conoscenza di atti riservatissimi della Procura della Repubblica di Castrovillari, finalizzati alla programmata eliminazione fisica di un soggetto istituzionale “scomodo”, nominativamente individuabile (i particolari della vicenda, con le omesse indagini dei PM e archiviazione dei GIP, sono riportati analiticamente su questo sito internet).

Ho dato, inutilmente, la mia disponibilità per la soluzione di cinque omicidi di mafia irrisolti.

Sono stato sentito una volta dalla Polizia di Stato di Rossano Calabro (all b); una seconda volta dai Carabinieri di Corigliano Stazione, dove ho allegato una memoria (all c - riportata alla voce G46); una terza volta dai Carabinieri di Corigliano Stazione, dove ho allegato una memoria (all d); una quarta volta dai Carabinieri di Corigliano Stazione (all e), dove veniva fatto riferimento alla richiesta di pagamento ad Organi Istituzionali (all f).

Al Maresciallo - Luogotenente Cordesco ho confermato l'esposto (vedasi - all f) ed ho allegato la memoria depositata alla Polizia di Stato di Rossano (vedasi – all b).

Il PM richiedente l'“invito“ è il Dott. Luigi Alberto Cannavale – Procuratore Aggiunto - Vicario della Procura della Repubblica di Salerno.

Sul sito dell'Ufficio Giudiziario di Salerno è riportato:

I Procuratori Aggiunti coadiuvano, secondo canoni di leale collaborazione, il Procuratore della Repubblica per garantire il buon andamento delle attività ed il corretto, puntuale ed uniforme esercizio dell’azione penale. Esercita le funzioni di coordinamento e di direzione della sezione o del gruppo di lavoro assegnatogli, e le altre funzioni delegate dal Procuratore, concernenti la cura ed il coordinamento di servizi o di settori dell’Ufficio.

In caso di mancanza o impedimento del Procuratore della Repubblica, tutte le attività attribuite allo stesso sono svolte dal Vicario, designato con decreto motivato, ai sensi dell’art. 1, comma 3, D. Lgs. n. 106/2006 e succ. mod. Ed integr., e dell’art. 6 della vigente Circolare del C.S.M. sulla organizzazione degli Uffici di Procura.  Il Vicario assicura, nei suindicati casi, lo svolgimento, senza soluzione di continuità, delle funzioni di indirizzo dell’attività dell’Ufficio, proprie del Procuratore della Repubblica, in modo coerente – e, possibilmente, conforme – alle linee strategico-operative ed organizzative tracciate nel programma organizzativo. La designazione del Vicario ha efficacia anche in caso di cessazione dalle funzioni del Procuratore della Repubblica e sino alla nomina del nuovo dirigente.

In data 11-04-2024 è pervenuta una comunicazione del Consiglio Superiore della Magistratura (all g).

La motivazione giustificativa dell'operato della Magistratura (Inquirente e Giudicante) ha importanza, ma, di fatto, ne documenta la conoscenza di comportamenti omissivi e commissivi, riferita anche ad omicidi di mafia irrisolti, nonchè a comportamenti non condivisibili che inducono e portano a quei colpevoli omertosi ''silenzi'' i cittadini.

<<>>

Al momento non aggiungo altro perchè ho paura.

E la paura corre sul filo della Giustizia.